Il Rotariano è portatore di valori! Il Rotary cambia? – RC Torre Annunziata Oplonti in interclub con E-Club 2 Golfi

20 NOVEMBRE 2019

Serata di Formazione con Il Presidente Commissione Distrettuale Rotary Foundation, Alfredo Focà

 

Un altro importante momento di Formazione rotariana, quello dello scorso 20 Novembre al Lounge Beach Nettuno di Torre Annunziata, con il Presidente della Commissione Distretto 2100 Rotary Foundation, PDG Alfredo Focà, accompagnato dalla consorte Marta. L’incontro, organizzato dal Rotary Club Torre Annunziata Oplonti, presidente Luigi Marulo, in Interclub con E –Club due Goldi, presidente Stefano Lombardi, presenti il formatore distrettuale di area Costantino Astarita, con la consorte Francesca, e l’Assistente del Governatore Pasquale Verre, Michelangelo Riemma, ha visto al centro della serata il tema: “Il Rotariano è portatore di valori! Il Rotary cambia?”, magistralmente dipanato dal relatore Alfredo Focà, che ripercorrendo l’impegno rotariano si è soffermato sulla necessità di ascolto delle comunità da parte del Rotary, per capire e intervenire sui territori. “Nonostante il Rotary sia sempre al passo con i tempi, attento ai cambiamenti culturali, professionali e sociali, “ – spiega Focà – “ … i suoi valori restano nel tempo, predisponendo al dialogo, contro i disvalori e l’impoverimento culturale e valoriale. Portare all’esterno questo messaggio è il nostro primo dovere.” L’esperienza fatta sul campo dal PDG Focà, in India, emoziona i presenti, ma li rende anche consapevoli dell’importanza dei progetti della Rotary Foundation, in particolar modo il progetto “POLIO PLUS”, che dal 1985 ha salvato migliaia e migliaia di bambini dalla malattia della poliomelite, giungendo negli anni alla quasi debellazione di questo fardello sanitario.  Ricordando la figura di Paul Harris, il relatore ha precisato come egli affermava: “Quando si parla di Rotary non dite quello che è, ma che cosa ha fatto”… e per la Polio il Rotary ha fatto davvero tanto, formando Leader di Club e volontari, capaci di realizzare quanto necessario per contribuire al più grande progetto su scala mondiale. Dopo la relazione del PDG Focà, il presidente Marulo sottolinea, come già anticipato nei suoi saluti iniziali, unitamente al presidente Lombardi,  quanto sia importane che innovazione e tradizione, intesa come insieme di valori e di storia possano coesistere, avendo come scopo finale il bene.  Michelangelo Riemma, poi, pone l’attenzione sull’importanza della formazione, per agire in modo sempre più significativo sul territorio, perché solo grazie ad una adeguata conoscenza si possono realizzare progetti concreti, che facciano la differenza.