Lettera del mese maggio 2019

Maggio: Mese dell’Azione dei giovani.

Care Rotariane e cari Rotariani,

Maggio è il mese che il Rotary International dedica all’Azione dei Giovani, il mese in cui è importante sottolineare il valore che hanno i giovani nei nostri club, verso i quali abbiamo attivato programmi a loro dedicati per il confronto generazionale, la collaborazione attiva Rotary-Rotaract-Interact su progetti condivisi, l’accoglienza nei club Rotary di soci provenienti dal Rotaract, espressione di un’esperienza rotariana già consolidata con una visione contemporanea del mondo che ci circonda.

“Per i giovani abbiamo ideato, un programma specifico, “un nuovo Ryla”, il RYSLA (Rotary Youth&Silver Leadership Award) per favorire lo sviluppo diffuso della «mixitè» nel Distretto e per promuovere la partecipazione paritetica a queste iniziative di giovani e meno giovani (i cosiddetti «silver»), rotariani, rotaractiani e ryliani, ma anche giovani studenti degli istituti superiori, senza specifiche omogeneità curriculari e professionali.

La «mixitè» è un valore molto prezioso e utile per alimentare il cambiamento e l’innovazione. Nella fattispecie, il progetto fornirà elementi di metodo e tecnici essenziali di gestione d’impresa, utili per ispirare e supportare la progettualità nel nostro Distretto 2100, finalizzata a valorizzare il Patrimonio culturale, fondendo l’esperienza dei Silver e le idee innovative dei giovani per un unico service del “fare”.

Questo nostro programma di fusione tra passato e presente nasce dall’idea di non poter tener presente i cambiamenti della nostra epoca senza adattare il nostro sapere a tutto ciò che oggi è “digitale”. Un digitale che dobbiamo prendere in considerazione come un potenziamento della nostra memoria, perché se il pensiero del passato poteva, in qualche modo, anche essere dimenticato e oscurato, oggi nel web, esso è sempre vivo e accessibile a tutti.

Un pensiero che non deve avere nessuno che sia in posizione dominante, silver o youth che siano, ma al contrario essere unitario ed equilibrato tra le generazioni, come afferma il Presidente Internazionale Rassin: “… Dovunque vado, incontro persone di tutte le età le cui vite sono state cambiate dai nostri programmi giovanili, che, 5-25 anni dopo lo Scambio giovani del Rotary, mi dicono come il programma ha insegnato loro una nuova lingua, o li ha introdotti a una nuova cultura. I loro occhi si illuminano mentre mi dicono come lo Scambio Azione Nuove generazioni li ha aiutati a migliorare la carriera, o come l’affiliazione a Rotaract ha dato inizio al loro interesse nel ripagare la comunità..”.

Seguendo il pensiero del Presidente Internazionale e il suo motto: “Essere d’Ispirazione”, abbiamo considerato che era necessario riflettere sul posto dell’uomo nel mondo, visto che alcune funzioni sono ormai prese dalle “macchine” e quindi l’umanità può avere il suo primo piano solo se è portatrice di diritti, di bisogni, di doveri e di solidarietà sociale, ben più che di forza fisica e di alienazione derivante da un lavoro ripetitivo.

Problematiche queste su cui il Rotary lavora da anni a fianco delle comunità, solo che adesso quest’azione è realizzata con le giovani generazioni, riconoscendo ad esse un’apertura e una curiosità propria dell’età, che non può che essere da stimolo a chi con il passare degli anni, forse, ha acquisito esperienza, ma perso in percentuale quella curiosità e quella voglia di costruire che deve essere alla base del nostro essere rotariani.

Crediamo nei giovani e guardiamo al futuro insieme con speranza e ottimismo.

Sono certo che i giorni del 25 e 26 maggio saranno un bellissimo momento, tra giovani e meno giovani, che ci vedranno tutti protagonisti di quel meraviglioso viaggio umano e di pensiero chiamato Rotary.

Siate d’ispirazione YiR
01 Maggio 2019