PENSIERI ED EMOZIONI: UNO SGUARDO AL PRESENTE E AL FUTURO

7 maggio 2020

Di Lucia de Cristofaro

“Questa di giovedì 7 maggio è la prima conferenza, in modalità zoom meeting, del progetto di club dal titolo “PARLIAMONE INSIEME”, una serie di incontri Rotariani in cui ci confronteremo e daremo un punto di vista positivo, in prospettiva, a seguito del periodo di Quarantena che ha cambiato gli equilibri di tutti noi.” – afferma nella sua introduzione il presidente del E- Club due Golfi, Stefano Lombardi. Un primo incontro, cui ero presente come presidente commissione distrettuale comunicazione social web , che ha riscosso un grande successo di partecipanti e di interventi. Presenti, infatti, al zoom meeting, sul tema “PENSIERI ED EMOZIONI: UNO SGUARDO AL PRESENTE E AL FUTURO”, relatrice la psicologa Wanda Sernia:  il DG PASQUALE DOMENICO VERRE, EZIO LANTERI , dg trainer nazionale, DORA SBERGO CALKINS interprete internazionale del Rotary,  I PDG del nostro distretto: SALVATORE IOVIENO e MARIA RITA ACCIARDI, GIUSEPPE NAVARINI , dg distretto 2042, SERGIO SERNIA dg distretto 2120, ANNA STRAFACE, INCOMING RRD ROTARACT distretto 2100, NICOLA LISO segretario distretto 2120, FRANCESCO DENTE, assistente dg distretto 2100, CARLA D’URSO e PIERPAOLO SINIGALLIA assistenti del dg distretto 2120, ALESSANDRO AMENDOLARA presidente RC Bari mediterraneo, ANTONINO MOCCIA, presidente RC Isola di Capri, CARMEN BATTIPAGLIA, presidente RC Scafati-Angri Real Valle,,  GIANLUCA CALISE, presidente RC Campania Napoli, CARMINE NOBILE, presidente RC Salerno Est, STEFANO D’AMMASSA, presidente Rotary E- Club South 2100, LILLA BRUNO vicepresidente Commissione scuola per il distretto 2120 e tantissimi altri amici soci provenienti da diversi distretti italiani e anche dal Perú, dalla Bolivia, Dalla Turchia e dagli USA.  “Negli ultimi due mesi, si è parlato tantissimo degli aspetti riguardanti l’emergenza sanitaria causata dal Coronavirus: adesso, con l’inizio della cosiddetta FASE 2, è importante cambiare il nostro punto di vista e cercare di guardare in prospettiva, trovando i punti salienti ed evidenziando gli aspetti positivi che la quarantena ci lascerà, nel nostro lavoro e nei nostri rapporti sociali.” – spiega nell’incipit del suo intervento la relatrice Dott.ssa Wanda Sernia, pasicologa, rotariana del RC Andria Castelli Svevi, annoverata tra i migliori fisioterapisti italiani, soprattutto in relazione agli attacchi di panico. Una relazione che ha suscitato un dibattito intenso tra i partecipanti al meeting, con domande alla Dott.ssa Sernia e considerazioni su un nuovo stile di vita che tutti noi dovremo adottare. Significative in tal senso le conclusioni del Governatore Pasquale Domenico Verre:  “Il Coronavirus ci ha fatto prendere consapevolezza della nostra fragilità umana. Grazie alla tecnologia  continuiamo a vivere la nostra socialità, come questa sera, confrontandoci, portando avanti idee, ma non dobbiamo dimenticare che nessuna tecnologia potrà sostituirsi all’abbraccio di un amico  o  ad una stretta di mano sincera. Le parole della nostra relatrice ci hanno indicato la strada prospettica del nostro futuro prossimo, in cui,  conclusasi la pandemia con un cauto ritorno alla normalità, io credo si debba vivere, a livello rotariano, una socialità flessibile, come già indicato dal Rotary International, con la possibilità di avere alle conviviali in presenza, ospiti collegati in meeting interattivi, affinché tale partecipazione tecnologica, unisca ancora di più i rotariani, anche di altri distretti italiani, e oltre.”

L’emozione di avere un parterre così ricco di personalità illustri del mondo Rotariano italiano e di amici provenienti da diverse parti d’Italia e del Mondo é stata grandissima.

Stiamo vivendo un momento storico davvero delicato e particolare sotto tanti punti di vista. La questione Coronavirus ha preso una nuova svolta e richiede da parte di tutti una disponibilità al cambiamento, per accogliere con creatività e coraggio la nuova dimensione di vita in cui i recenti eventi ci hanno catapultato. Una dimensione di vita in cui siamo chiamati ad andare oltre il muro dell’incertezza, e lasciar andare il desiderio di tenere tutto sotto controllo per fluire con la trasformazione di nuove abitudini.

Le misure messe in atto per contrastare l’emergenza sono imponenti, per l’impatto sulla vita delle famiglie, e noi come rotariani le stiamo vivendo sulla nostra pelle.

Sta a noi infatti scegliere, anche in questo momento, quale significato attribuire agli eventi che accadono e come scegliere di viverli. È responsabilità di ognuno di noi metterli nella giusta prospettiva, facendo spazio dentro di sé per trasformarli in opportunità per la nostra crescita. Allarghiamo il campo delle possibilità verso soluzioni utili per il benessere individuale e collettivo.

Per rafforzare la nostra abilità a trovare le risposte emotive giuste nel momento giusto, abbiamo bisogno di allenarci ad essere sempre più consapevoli delle nostre emozioni.

Non si tratta solo di osservare i nostri pensieri e ragionare sul perché e come ci sentiamo, bensì di sentire la manifestazione dell’emozione che viviamo nel nostro corpo, accoglierla e so-stare in essa, dandogli ascolto. Occorre imparare a calmare il nostro sistema nervoso, andando incontro ai nostri sentimenti, senza evitarli.

Un sentimento, un’emozione è qualcosa che chiede di essere sentito, che vive prima di tutto nel nostro corpo e arriva dopo alla nostra testa. Per aumentare la nostra consapevolezza emotiva dobbiamo quindi allenarci a scoprire in quale parte del nostro corpo abitano i sentimenti e le emozioni che sperimentiamo. Ricordiamoci che le emozioni non occorre controllarle, non vanno ignorate e non possono essere cancellate. Sono il nostro tesoro più grande, di cui dovremmo imparare a prenderci cura

 

Quella del Coronavirus è sicuramente anche un’epidemia emotiva, ma il contagio è anche quello delle intelligenze che si scambiano, di anime che si accarezzano, di sentimenti che si uniscono. La sensibilità è la più potente risorsa che ognuno di noi possiede. Il Rotary si fa portavoce da sempre dei valori dell’umanità che ci permettono di farci sentire vicini anche se distanti fisicamente. Adesso più che mai tutto questo rappresenta la nostra ricchezza più grande e noi, con il nostro Club, coinvolgendo tutti i Clubs di Italia e del mondo, vorremmo fare in modo che ci sia sempre di più una “Cultura della Connessione”.

 

STEFANO LOMBARDI

PRESIDENTE ROTARY E-CLUB DUE GOLFI 2019-20

 

 

Il primo incontro ha avuto come relatrice la dottoressa WANDA SERNIA, PSICOLOGA, del ROTARY CLUB ANDRIA CASTELLI SVEVI (DISTRETTO 2120) che ha tenuto una conversazione dal titolo PENSIERI ED EMOZIONI: UNO SGUARDO AL PRESENTE E AL FUTURO.

 

Hanno partecipato:

EZIO LANTERI , dg trainer nazionale

DORA SBERGO CALKINS interprete internazionale del rotary

PASQUALE DOMENICO VERRE, DG 2100

SALVATORE IOVIENO, PDG 2100

MARIA RITA ACCIARDI, PDG 2100

GIUSEPPE NAVARINI , dg distretto 2042

SERGIO SERNIA dg distretto 2120

ANNA STRAFACE, INCOMING RRD ROTARACT distretto 2100

NICOLA LISO segretario distretto 2120

FRANCESCO DENTE, assistente dg distretto 2100

CARLA D’URSO e PIERPAOLO SINIGALLIA assistenti del dg distretto 2120

ALESSANDRO AMENDOLARA presidente RC Bari mediterraneo

ANTONINO MOCCIA, presidente RC ISOLA DI CAPRI

CARMEN BATTIPAGLIA, presidente RC SCAFATI-ANGRI REAL VALLE CENTENARIO

GIANLUCA CALISE, presidente RC CAMPANIA NAPOLI

CARMINE NOBILE, presidente RC SALERNO EST

STEFANO D’AMMASSA, presidente E-CLUB ITALY SOUTH 2100

LILLA BRUNO vicepresidente Commissione scuola per il distretto 2120

Lucia DE crISTOFARO Presidente Commissione Comunicazione social web

E tantissimi altri amici soci provenienti da diversi distretti italiani e anche dal Perú, dalla Bolivia, Dalla Turchia e dagli USA